Home Aquile al Pestum Racconto di Zivas

Racconto di Zivas

512
0
CONDIVIDI

Per noi è stata una seconda volta, ma l’anno scorso giocavamo in casa, quindi era troppo facile.

Quest’anno è stato un raduno bellissimo nonostante la pioggia che ci ha spaccato i maroni ma che in fin dei conti poteva andare pure peggio per come l’avevano messa.

Voglio menzionare, a parte gli organizzatori su cui ogni commento è superfluo, le seguenti persone:

Maria, o Rossana, o…non so che nickname usa qui nel forum, per essere stata la prima arrivata poco dopo di noi nel garage del ristorante di Gragnano, e per tutte le sue veloci trasformazioni quasi da ‘Superman’, o forse ‘Wonderwoman’

Tatuato, per averci fatto venire il mal di stomaco dalle risate senza rivelarci chi fosse, fino a che non ho chiesto io di indicarmelo tra i tanti; dopo un tentativo di ‘sviamento delle indagini’ finalmente si è manifestato, ed io ho detto che finalmente capivo perchè tutti lo nominavano spesso nel forum
Un’ironia romanesca che Brignano ie fa na pippa …ma tanto lo conoscete tutti!!

Scurzon, per essere riuscito finalmente ad incontrarlo, dopo qualche anno di scambi da forum tra bellagisti, e per la prestazione sul palco, che mi è piaciuta moltissimo.

Ticcio93 per una serie di motivi, ma anche per le belle foto che gli ho scattato al ristorante da Cono, che avrò modo di condividere con tutti voi

Le mie vecchie conoscenze Tonirag e Artack, da sempre più amici che conoscenti.

L’altro bellagista, di cui non mi entra in testa il nickname, ma mi pare sia Dioniso, con cui ho parlato parecchio.

Tutti quelli con cui ho scambiato battute e chiacchiere simpatiche, che hanno reso l’incontro un qualche cosa di speciale.

Ultimo in ordine di apparizione, ma primo per tutto, l’amico Ettore Gambioli e sua moglie, per aver condiviso tutto con noi, compresa la poderosa sciacquata di sabato sera sulla disastrata costiera tra Marina di Camerota e Paestum.

Siamo stati benissimo, grazie a chi si è dato da fare per realizzare l’incontro, in particolare Ivan e Vladimiro, ma anche gli altri che forse un po’ più dietro le quinte, o forse perchè non ho ancora memorizzato nomi e nickname.

Una cosa è certa, la prossima volta faremo l’impossibile per esserci ancora, e possibilmente non con la BMW dentone

CONDIVIDI
PrecedenteRacconto di Ticcio
SuccessivoGalleria Fotografica