Home Racconti Come sono diventato guzzista Come sono diventato Guzzista : texmexstrada

Come sono diventato Guzzista : texmexstrada

140
0

texmexstrada

Come sono diventato Guzzista?
Ho iniziato a guidare motociclette nove anni fa, inizialmente con l’obiettivo di guidare una Harley, ma mentre guardavo le moto online a cui aspiravo, ho letto alcune cose sulla “Harley italiana”. Sono rimasto incuriosito, ma ho perseguito il mio obiettivo originale e sono finito con una Harley come seconda bici dopo aver appreso cosa non fare come motociclista su una Hyosung GV650.
Ma continuavo a leggere delle Moto Guzzi e, quando volevo qualcosa progettato per lunghe distanze, giocavo con l’idea di uno Stelvio. In realtà ne ho provato uno al banco, ma sono rimasto deluso. È stata colpa mia, ho provato a guidarla come una Harley, cambiando presto e trascinando il motore. Così invece sono finito su una BMW K1200LT.
Dopo un paio d’anni volevo qualcosa di più sportivo e qualcosa che potevo portare fuori strada, e sono tornato dal concessionario Guzzi, ho guardato, parlato, saltato sulle diverse biciclette (con mia moglie all’epoca), ed ero davvero interessato a ancora una volta lo Stelvio, ma, dopo l’esperienza BMW, volevo qualcosa di più leggero. Così sono finito su una Ducati Multistrada.
Wel ha adorato la Ducati, grande bici, ma dopo alcuni anni di gioco con l’elettronica e il pagamento di ingenti spese di manutenzione e assicurazione, ero pronto a cercare una bici più semplice, meno costosa e di più sull’essenza del motociclismo. Oh, e guidatore, pulire la catena ogni sera durante i miei lunghi viaggi su e fuori strada è diventato fastidioso molto rapidamente.
A quel tempo Guzzi presentò il V85TT, e fui colpito. Sembrava fantastico, aveva un po ‘di elettronica pratica, ma aveva anche il fascino semplice, sembrava una buona bici per due persone e i costi erano ragionevoli. Ho deciso che sarebbe stata la mia prossima bici. E poi Harley ha deciso di fare una promozione per le donne, metà della classe per imparare a guidare. Quindi ho suggerito a mia moglie di prenderlo, è uno sport divertente e chissà, in caso di emergenza, potrebbe essere necessario andare in bicicletta in uno dei nostri viaggi per metterci in salvo. Quindi ha preso la classe e è riuscita a passarla al primo tentativo! Ha percorso a malapena una bicicletta prima, e ha 1,52 me 48 kg, quindi sono rimasto colpito dal fatto che è stata in grado di lottare con quella bici da 300 kg attraverso i vari ostacoli. E sai cosa, le è piaciuta l’esperienza, anche lei voleva andare in bicicletta!
Come puoi immaginare, sono stati contati i giorni della Multistrada ed era tempo di prendere una bici per entrambi. Così andammo a cercare varie opzioni, e quando era ad Austin per lavoro le raccomandai di fermarsi dal grande rivenditore (BMW, Triumph, Yamaha, Honda, Suzuli, ecc.) E anche al negozio Guzzi. Bene, ha avuto una brutta esperienza da venditore presso il grande rivenditore, ma i ragazzi del negozio Guzzi l’hanno trattata bene, ed era tutta eccitata per questo. La lasciarono saltare su ogni bici e si prese il loro tempo per spiegare, e le piaceva davvero la V7III. Personalmente ho preferito la KTM 390 Duke che avevamo controllato una settimana prima, ma lei non era entusiasta di quello. Stava arrivando la MotoGP ad Austin, quindi abbiamo deciso di andare, voleva sapere quali erano le gare che avevo visto domenica mattina presto sul mio computer, e ogni grande produttore di biciclette e attrezzature sarebbe stato lì con l’opportunità di bici comapre sul posto. E il V85TT era in mostra nella tenda Guzzi, quindi era un must per me, speravo in qualche modo segretamente che potesse adattarsi a lei.
Beh, adorava l’aspetto e la sensazione, ma era troppo alta per lei … ma il suo viso si illuminò quando saltò sul V7III. In realtà l’ho fatta provare a sedere su almeno 25 bici in MotoGP, ma ha continuato a tornare alla V7III. In passato avevo letto cose fantastiche e la V7 Sport è una delle mie bici classiche preferite, quindi ho iniziato a scaldarmi.
Nel giro di un paio di settimane decidemmo di prendere una decisione sulle moto e fu il V7III o un 390 Duca. Ho deciso di dare una prima occhiata al concessionario Guzzi (moglie felice, vita felice) e, dopo una grande conversazione sulle biciclette, un buon affare sul V7III e un giusto scambio sulla mia Ducati, abbiamo stretto la mano a un nuovo V7III Stone che vedi nella foto. Mia moglie ha scelto il colore ed era estatica.
Ho subito iniziato a modificare la bici per renderla adatta ai nostri viaggi e ho aggiunto la protezione dagli incidenti in modo che potesse imparare in sicurezza su di essa, ma, purtroppo, la storia felice ha preso una svolta lì e, alla fine, io e mia moglie siamo andati i nostri modi separati. Almeno è stato un divorzio amichevole, se una cosa del genere è possibile, e, dal momento che avevo pagato per la bici, avevo investito denaro in essa, ed era registrato sotto il mio nome, il V7III rimase con me.
Ad essere sincero, non ero entusiasta del V7III, era qualcosa che mia moglie desiderava più di me (il mio cuore era ancora attratto dalla KTM) e l’esperienza di guida era impegnativa in un modo classico in bici, non in uno sportivo pista ciclabile. Ma avevo appena aiutato a pagare per la nuova casa del mio avvocato, ma non avevo il budget per un’altra bici e non avrei perso un sacco di soldi commerciando in una bici di 6 mesi con accessori per un valore di $ 2500 per cui non avrei avuto un soldo per. Quindi avevo due opzioni:
A. Lamentela con le pareti del mio appartamento o
B. Fai qualcosa al riguardo: trasforma il V7III nella mia bici, una bici con cui mi collego e una bici che mi dà l’esperienza di guida che stavo cercando da sempre.
Quindi, qualche altro chilometro più tardi è lì, nella foto, al Palo Duro Canyon State Park nel Nord del Texas, il giorno di Natale, preparandosi per un viaggio di 1200 km + a casa. Non è perfetta, prenderà un po ‘di più dei miei soldi nei prossimi mesi e anni, ma ora è mia …