Home Incontri e racconti Incontri TATIAN’S RALLY 2” Giro Delta

TATIAN’S RALLY 2” Giro Delta

945
0
CONDIVIDI

5 – 6 Marzo 2016

di Piero “S558”

Questa volta voglio provare a cimentarmi in un cronoracconto. Il Giro Delta è andato oltre le aspettative nonostante un tempo abbastanza pessimo, e merita un ultimo impegno, fare qualcosa per mantenerne il ricordo.
Da dove cominciare? Bè, direi dalla fine, per il momento:
LA MOTODISPERSIONE 3
La Tatian’s family sola sul parcheggio del granso stanco. Poco prima era popolata di Anime Guzziste e dei loro ferri.

Il tempo di scambiare qualche frase di soddisfazione, soprattutto per appartenere ad una manica di amici eccezionale, che fa di ogni incontro un momento mitico e unico, meglio dell’ultimo e peggio del prossimo.
Alla faccia del tempo, del vento, della pioggia, quando ci sono le Anime di AG, nulla può rovinare la compagnia, il divertimento, la minchitudo….
Va bè torniamo verso casa, che strada fare? Sono 55 km se facciamo le vie interne, dove non passa nessuno, Cà bianca, Cavarzere, Pettorazza, San Martino … la strada del Gorzone. Se incontri qualcuno ha la coda e il pelo lungo e marrone, e somiglia ed un grosso topo!
Ecco, lavori in corso, fermi al semaforo sulla strada davanti il ponte sul Gorzone che va a Boscochiaro, che cazzo aspetto che qui non passa nessuno!! …. No urca, due Guzzi??? Stevio e Cali1400!!! Ticcio e Stefano!!! Ma che ci fanno qui? È un’ora che sono partiti da Sottomarina e sono ancora qui!! Diventa verde e via proviamo a prenderli …. Lungo argine Gorzone e arrivo allo stop di Cavarzere all’incrocio sul ponte dell’Adige, ma di Ticcio e Stefano niente.
Ah no! Eccoli stanno attraversando il pone sull’Adige, ma in senso sbagliato, stanno tornando a Sottomarina!!! Andrea vai, raggiungili e facciamogli strada fino a Rovigo. Maria, andiamo di qua che li becchiamo. E invece??? Ecco che li incontriamo di nuovo, ma in senso opposto, stavolta la direzione sembra quella giusta. Inversione a U, e via alla caccia di due dispersi, ma questa volta ne abbiamo perse le tracce definitivamente… Solo dopo qualche giorno riceviamo notizie del loro arrivo presso le loro dimore, nel frattempo ci comunicano impressioni di viaggio tra passi innevati e racconti scurrili!

Adesso saltiamo all’inizio:
CONAMARA
Conamara è un PUB a Padova, oltre ad essere una regione selvaggia e aspra dell’Irlanda Occidentale. E infatti non è a Padova, quasi a Padova!! Per arrivare si fa strada bianca, si passa più volte sotto il cavalcavia dell’autostrada fra accampamenti più o meno accampati, un po’ di palude e eccoci arrivati. La prossima volta devo cambiare le impostazioni:“evita autostrade”, “evita strade asfaltate”, “cerca percorsi alternativi”
Ma cosa centra? Conamara con il delta del PO?
Venerdì sera, il giorno 4, i primi arrivi: Stefano, Nello, Gaso, Zio Vittorio (che per questa serata diventa Vincenzino), Califoggia, Ticcio, e poi Gigi e Ornella.
Che facciamo? Vediamo se riesco a convincerli … a Padova in un pub c’è Guzzirock che su….. poca fatica, già in macchina e via. Abbiamo lasciato Gigi e Ornella ad una serata romantica nella città delle rose e via per strade impervie alla ricerca di Conamara.
Il tempo di far rosicare Totogigi, che ancora in divano sotto la copertina scozzese
Tatian Rally 2do Giro Delta Racconti AnimaGuzzista 002Si sta sbattendo i maroni con la bottiglia di san pellegrino … Wilma, rinnovami il buono, lo uso per il calincontro a rizzione!! Ti prego!! … No!! i buoni non sono rinnovabili. Fai il bravo altrimenti col c… che vai al nurburing!
Arriviamo a Conamara, entra Tatiana e …. Enrico sorpreso, si alza per salutare, poi entra Nello, Enrico si ferma, poi Ticcio, Enrico si risiede e pulisce li occhiali…. Guarda la birra, guarda l’ingresso, riguarda la birra, .. però buona … ancora l’ingresso, intanto le Anime sono entrate tutte. Ecco che ci focalizza … che c… fate qui? Nello?? Ticcio??? Fabio?? Guzzisti? Meravigliosi!! Semplicemente guzzisti. … carissimi amici, fra di voi, in quel tavolo smanicato, un gruppo di amici carissimi che in motoguzzi sono arrivati fin qui, un applauso, soprattutto al guzzista che arriva da più lontano, da Taranto!! Un applauso a Vicenzinoooo!!!
Noi eravamo già alla seconda birra, per di più Verde….. certo in Irish pub la birra è verde! Ma la carne messicana!! L’amburgher messicano? Le tortillas? … che c’entrano?


PONTE APERTO O PONTE CHIUSO?
Ecco che cominciamo ad addentrarci ne delta. Arriviamo da Porto Garibaldi attraverso la strada degli acciaioli arriviamo a Volano e quindi prendiamo per il Bosco di Mesola fino a Goro.
Primo ramo del Po che incontriamo, il Po di Goro. Si attraversa su un ponte di barche galleggianti, oggi modalità tagadà! La corrente del Po e il vento, fanno ondeggiare le barche e il ponte in tavolato di legno si muove con lo stesso ritmo.
Passiamo in trenta, c’è da fare il pedaggio, ci dice l’omino di sorveglianza.
MI fermo e faccio passare tutti, contiamo insieme il passaggio e alla fine siamo in trenta, 45,00 €.
Pago io per evitare di fare una colonna interminabile. L’omino è perplesso, riceve i soldi, sono giusti, senza resto … qualcosa che non va? Gli chiedo. Non so come fare lo scontrino!! Scrivi 45 e metti nel cassetto! Non so come si fa. Se spingo questo marca 1,5 €… lo devo fare trenta volte??? No no …. Io vado… tu fai gli scontrini dopo!!
E così ripartiamo in direzione dell’altro ramo del Po. Quello più ricercato: il Po di Gnocca.
Ecco Gorino Ferrarese, la rampa sull’argine e …. Non si passa il Ponte è aperto!
Quindi? Se è aperto passiamo.
No si passa se è chiuso!
Come? se è chiuso non si passa, si passa se è aperto!
None .. aperto il ponte, non si passa. Le barche sono tutte lungo le rive del fiume e il ponte è aperto!!
Quindi non si passa!

LA MOTODISPERSIONE 1
Bene eccoci al chek point di Rovigo, sabato mattina, incontro con tutti i nordici e reduci da Conamara.
Saluti abbracci e via di cazzate. E non si parte … Gianni comincia a scalpitare! La Piratessa ci sta aspettando a Comacchio. Ho promesso che arrivo per tempo ma non conosco la strada, partiamo???? Adunata chiamata da Beppe: AANNDIIIAAAAAMOOOOOOOOOOOOOO!! E si parte! Via uno, via due, via tre …… e in strada, incrocio a sx, rotatoria direzione Ferrara! Ferrarraaaaa! FERRARAAAAAA!! Alessandraaaaa no Verona… Govoz a caccia e recupera la preda che si rimette sulla retta via! Ma intanto Giulio e Lella si fermano ad aspettare … dicono loro …. Li rivedremo solo qualche ora più tardi in friggitoria.
UN ASSAGGIO DI PESCE?
Arrivo a Comacchio, vento incredibile, Caiuzzi dice che è peggio della bora, e se lo dice lui!
Paese caratteristico ma … desertico … provo a raccontare che in estate…. I turisti …. I buskers …. Ma poca credibilità!!!
Vicino ai Tre Ponti una splendida pescheria, fuori un gruppo di persone che assaggia pesce crudo, dentro un banco di pesce fresco che se lo vede Mister Chef si tuffa dentro!
Sono con Ticcio, ci fermiamo, osserviamo, .. guarda fanno gli assaggi per i Clienti. Non credo Ticcio, stanno bevendo Ferrari e Champagne, e mangiano ostriche, scampi, carpaccio di tonno,…. Si si, sono assaggi! ci avviciniamo e assaggiamo anche noi.
Ciao siete arrivati in moto? Motoguzzi? Però? Di dove siete? Ticcio si fa scoprire!!
Ecco perché! siete Toscani!! In Toscana sono tutti comunisti!!
Ci allontaniamo. Sai Credo che tu avessi ragione, per darci dei comunisti significa che loro l’avevano pagato il pesce!!

LA MOTODISPERSIONE 2
Domenica mattina, pronti a riprendere strada. Tutti in preparazione davanti l’albergo, dopo colazione controllando i danni della pioggia notturna, salutato chi parte subito per la molta strada da fare.. Ciao Vittorio! Ciao Gaso! Ciao Fabio … che centra a Bergamo non è molta strada!! … ah si il Galletto!! Ciao EDO?? … e Tu? .. ah si la scorta al Galletto!!
Moto pronte allineate, serbatoi pieni, due distributori locali hanno fatto il loro servizio …. VVrrraaammmm Beppe: vado a fare benzina …. VVrrraaammmmmmm non prende il Bancomat vado all’altrooooo …… rivvrraaammmmmm anche questo non prende il bancomaaatttt! Ne cerco unoooooo!! … Lo ritroveremo al granso stanco, dopo aver girato avanti indietro tra cà tiepolo, porto levante, Rosolina mare, etc…. ancora in cerca di benzina!! Si perché quando ci ha trovato aveva di nuovo finito il serbatoio!!!!

MARINA 70
Sabato pomeriggio, dopo aver circumnavigato il ramo del Po di Gnocca, siamo a Ca Tiepolo. Sosta benzina per un rabbocco d’olio a Eugenio. Tutti fermi.
Dove siamo? Cosa facciamo?
Siamo a Cà Tiepolo, l’albergo a 2 minuti, sono solo le 16,30. Presto per andare a riposare!! Ultime parole famose!
Andiamo a Marina 70, sulla Sacca di Scardovari, prendiamo una birra e torniamo!! E così facciamo.
Strada della Sacca, le raffiche di vento ci costringono a pieghe in rettilineo, arriva il mare portato dal vento, poi la pioggia, ci fermiamo a Marina 70.
Bè ma che fate? da dove venite? Con questo tempo? Siete temerari! No siamo Anime Guzziste (che tradotto significa dei minchioni)! Non vi invidio!! (in quel momento forse neanche noi).
Arriviamo in albergo con il buio, fradici, pioggia fredda, vento, antipioggia inesistente, terribile!
Arriva anche il Falcone, dietro Anna completamente bagnata, ma con un sorriso stampato da orecchio a orecchio. Anche lei non si è salvata. Presa dalla minchitudo di AG!!

BISATI E CALI1400 ELDORADO
Che dire del pranzo di sabato? Credo che ogni dire sia superfluo. Bisogna provare e faremo di questo posto un punto fisso del giro delta.
Non volevo riproporlo, per evitare di fare le stesse cose. Ma Lella è stata categorica!! Ma andiamo in friggitoria o non ci andiamo?? E li ho capito subito!
Poi quest’anno anche i bisati (anguille).
Nota: fra poco a Vicenza arriverà il Cali 1400 eldorado!!

DOPOCENA ETILICO
Difficile raccontare del dopocena etilico, quasi sempre è così! Chi c’è non si ricorda (per ovvi motivi) e chi non c’è non c’è. Si è sentito di brani musicali nati n quei momenti creativi, ma ormai si sono perse le tracce.
Certo che tra Vin santo, liquore al terrano, abbardente di gonario, anice, e .. lo sponsor Capitan Pipa, ispirazione ce n’era!!
Un riconoscimento speciale per Ciauzzi, per la prelibatissima bottiglia dedicata all’evento, con tanto di logo e riferimenti. Diventerà la maglietta del delta!


FENICOTTERI
Domenica mattina, giro per valli e lagune. Acqua di qua e acqua di là!!
Natura, canne, vegetazione, gattini impauriti, e Fenicotteri. Devo dire che in numerosità così importante non li avevo mai visti.

 

E’ NATO UN AMORE
Eccoci ancora sul parcheggio del Granso Stanco. Questa volta è popolato. Siamo qui dopo pranzo pronti per i saluti. Baci e abbracci, promesse di prossimi incontri, a presto a Rizzione dice Pandora! Pandoro che non trova più il blocchetto di accensione, Miriam che ha le frecce attaccate con l’elastico. Piccoli acciacchi!
Nuovi arrivi. RodWolf con il Cali1400 fresco di 6 giorni!! Credo che lo rivedremo ancora, mi deve un caffè!
Ma in un angolo del parcheggio, appartati, due piccioni si salutano, un pensiero romantico, una lacrimuccia e una bacio appassionato!!


Ornella è con me. Guarda e commenta: che marìo che go!!