Home Incontri e racconti Sulle orme di Tiberio

Sulle orme di Tiberio

932
0
CONDIVIDI
Sulle orme di Tiberio

Di Marco m D’Anella

 

Dedicato a Fabio (Cuorealfa).

Un’idea dell’amico Fabio che lancia il “classico topic” in bacheca incontri, ci coinvolge da subito per quella che si rivelerà una splendida giornata nel litorale laziale.

Le previsioni, che da una settimana prevedono tempo bello per la domenica danno un impulso positivo alle adesioni dei forumisti di zona e complice il ponte lungo del 1 Novembre stuzzica anche il buon Livio e Lalla.

La giornata comincia male per me, con la moto che parte solo ad un cilindro! Moto che da sempre è stata esente (è vero) da difetti, proprio oggi fa le bizze? Sarà che avrà captato la presenza del Tatuato? Dopo qualche minuto d’apprensione e imprecazioni d’ogni genere sembra di nuovo funzionare a dovere e tiro un sospiro di sollievo.

Bene, parto alla volta di Formia dove mi aspetta Mario (Thomas) e mi faccio 40 Km di nebbia che dire fitta è dire poco.Arriviamo all’appuntamento di Sabaudia, nel cuore del parco del Circeo, con ben 15 minuti di ritardo complici i limiti assurdi e velox a gògò sulla via flacca e troviamo tutti ad aspettarci nella piazzetta antistante il municipio.

Tutti chi? Livio (Pode67), Lalla, il fratello di Lalla, Andrea il Tatuato, Emanuele (Lele72) e Marione Marioscheggia con le loro belle moto che già attirano l’attenzione dei passanti ma quando vedono la mia addirittura si fermano e mi chiedono di fare le foto ricordo…hehehe.

Minchiate a parte, dopo aver spiegato al fratello di Lalla come si sincronizzano i carburatori del suo Nevada col vuotometro (non è che me stò a montà la testa?) e un caffettuccio di buon auspicio partiamo sul lungomare ad andatura di codice e saliamo sul promontorio del Circeo ad ammirare il meraviglioso paesaggio dove Ulisse fu ammaliato dalla maga d’Omeriana memoria.

Il Tatuato intanto approfittando delle soste non la smette di sparare minchiate e solo in tarda serata scoprirò che le usa “come additivo” per la sua cattiva Racer su meccanica SP, complimenti davvero Andrea per il codone.

Appena il tempo di una sigaretta, si parte alla volta di Sperlonga, altro grazioso paesino dove l’imperatore Tiberio fece costruire la sua villa attorno alla grotta che porta il suo nome alle pendici del monte Ciannito.

Ancora però tutta strada statale e limiti ferrei che ci costringono a tenere a bada i nostri bicilindrici e che infastidiscono non poco gli smanettoni del gruppo, Lalla e Andrea su tutti.

Arrivati, ci sediamo a bere un aperitivo, scattiamo qualche foto e conveniamo che è meglio un pranzo fugace sia per poterci dedicare finalmente alla nostra vera passione cioè guidare, ma soprattutto perchè Mario è a dieta e non vogliamo che venga meno al suo ferreo regime alimentare…..

Detto fatto, dopo un panino e una birra partiamo da Sperlonga alla volta di Itri su percorso montano, poi via via fino a Ceprano proseguiamo in un susseguirsi di percorsi tortuosi che svegliano in noi una sana voglia di “sdraiare” per benino i nostri amati cancelli. In particolare si distingue Lalla che sta cominciando a prendere le misure alla sua Breva 1100, brava!

Il mio 650 fresco fresco di aspirazione libera e scarichi aperti canta come Pavarotti al Pavarotti and friends e contemporaneamente beve che è una bellezza (non si può avere tutto dalla vita).

Il ritmo è buono e il divertimento è assicurato per tutti.

Arrivati a Ceprano quasi all’imbrunire, dove i nostri cari “Nordisti” proseguiranno a malincuore con l’autostrada per Sangemini, vedo stampati sui loro volti dei bei sorrisi frutto del divertimento e soddisfazione per la bella giornata trascorsa insieme. Prima di lasciarci, non mancano ovviamente i buoni propositi per nuovi incontri da organizzare qua e là conditi da ottime magnate (vero Mario?) il che rende il distacco meno amaro.

E’ stata la mia prima vera uscita con gli amici di AG e sono molto contento perchè è stata meglio di quanto mi potessi immaginare. Lo spirito di grande famiglia virtuale che ci accompagna giornalmente sul Forum ho finalmente avuto modo di apprezzarla realmente.

Grazie a tutti.